09/apr/2014

Fecondazione,cade divieto eterologa. La Consulta: "È incostituzionale"

La Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità della norma
della legge 40 che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o
spermatozoi nei casi di infertilità assoluta. Lorenzin: "Necessaria
una condivisione con il Parlamento"

Lo leggo dopo
ROMA - Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha
stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità
della norma della legge 40, che è entrata in vigore dieci anni fa e
che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o spermatozoi nei
casi di infertilità assoluta. "Sulla questione è necessaria una
condivisione con il Parlamento", è stato il commento del ministro
della Salute, Beatrice Lorenzin. "Sono questioni che non si può
pensare di regolare con un atto di tipo amministrativo, ma necessitano
una condivisione più ampia, di tipo parlamentare. Alla luce delle
motivazioni della Consulta - annuncia il ministro - al più presto
comunicheremo la road map per l'attuazione della sentenza".

Per il ministro Lorenzin, "l'introduzione della fecondazione eterologa
nel nostro ordinamento è un evento complesso, che difficilmente potrà
essere attuato solo mediante decreti". Inoltre, "ci sono alcuni
aspetti estremamente delicati - sottolinea Lorenzin - che non
coinvolgono solamente la procedura medica, ma anche problematiche più
ampie, come ad esempio l'anonimato o meno di chi cede i propri gameti
alla coppia e il diritto d chi nasce da queste procedure a conoscere
le proprie origini e la rete parentale come fratelli e sorelle".

I tre casi. Un problema quello del divieto di fecondazione eterologa
che fino ad oggi ha spinto molti futuri genitori ad andare all'estero
per inseguire il sogno di avere un figlio. Costretti da problemi
legati all'infertilità o da malattie a cercare un donatore di gamete,
pratica sino ad oggi vietata in Italia. Viaggi che non tutti potevano
permettersi e fra i motivi che hanno spinto tre coppie di Firenze,
Milano e Catania, a rivolgersi tribunali di queste città nel 2010. Il
ricorso milanese è stato presentato da due coniugi, in cui il marito è
sterile, mentre il caso di Catania riguarda una coppia in cui la donna
è affetta da menopausa anticipata.

Legittimità. Dopo aver affrontato la questione della conservazione
degli embrioni, della diagnosi preimpianto e del numero di embrioni da
impiantare nell'utero materno, per la seconda volta la Corte era stata
chiamata a giudicare la legittimità costituzionale di quella che è
stata definita dagli avvocati difensori delle coppie la norma
'simbolo' della legge 40, cioè il divieto di fecondazione eterologa.
Nel maggio 2012 la Corte Costituzionale decise di restituire gli atti
ai tribunali rimettenti, per valutare la questione alla luce della
sopravvenuta sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo sulla
stessa tematica.

La paternità. Con la decisione presa oggi dalla Corte Costituzionale
sulla legge 40 cade innanzitutto il divieto di fecondazione assistita
eterologa (l'art. 4 comma 3 della legge). Bocciati gli articoli
correlati al divieto, che nei casi di ricorso alla vietata
fecondazione eterologa vietavano rispettivamente il disconoscimento
della paternità e stabilivano che il donatore di gameti non acquisiva
alcuna relazione giuridica parentale con il nato, quindi non aveva né
obblighi né diritti verso il bambino. Infine cade
l'articolo 12 comma 1 che puniva "chiunque a qualsiasi titolo utilizza
a fini procreativi gameti di soggetti estranei alla coppia
richiedente" con una sanzione amministrativa da 300mila a 600mila
euro.

INTERATTIVO Procreazione, come funziona

Le reazioni. Il sito del giornale Famiglia Cristiana parla di "ultima
follia italiana", parlando di "fecondazione selvaggia per tutti".
Sconcerto e preoccupazione per la decisione della Consulta sono stati
espressi dallaPontificia Accademia della vita che teme per le
conseguenze che potranno derivarne. "Questo divieto determinava una
serie di garanzie soprattutto per il nascituro, a tutela della chiara
identità dei genitori, con le relative responsabilità - spiega
Monsignor Renzo Pegoraro, Cancelliere della Pontificia Accademia per
la Vita - . La possibilità che ci sia una terza figura, spesso
maschile, quindi una distinzione tra paternità biologica e una
affettiva e sociale nella stessa coppia crea dei problemi". "Questa è
l'ultima picconata, probabilmente la più grave, ad una legge che non è
più quella che è stata approvata dal Parlamento", ha commentato
Gianfranco Amato, presidente dei Giuristi per la vita. Di parere
opposto l'avvocato Filomena Gallo e Gianni Baldini, legali del
procedimento di Firenze, i primi a sollevare il dubbio di legittimità
costituzionale sull'eterologa, e rispettivamente Segretario
dell'Associazione Luca Coscioni e docente università di Firenze. "La
sentenza di oggi - commentano - che ha cancellato il divieto di
eterologa ha valore di legge e non è oppugnabile. Da oggi non potrà
mai più essere emanata dal Parlamento una legge che prevede il divieto
di fecondazione di tipo eterologa". "Dopo la sentenza della Corte
Costituzionale sull'eterologa è ancora più evidente che la Legge 40 fa
acqua da tutte le parti e che quindi va riscritta - ha detto
l'avvocato delle coppie di Catania e Milano Maria Paola Costantini,
referente nazionale di Cittadinanzattiva per le politiche della Pma. -
Sono molto contenta e sinceramente ci aspettavamo questo risultato'

"Mi spezzi il cuore": Fiat impacchetta le auto straniere dei suoi impiegati"

La campagna di "parking marketing" voluta dal gruppo per incentivare
l'acquisto delle proprie vetture scatena polemiche e accuse di
violazione della privacy. Ma dopo Mirafiori domani si replica a
Pomigliano. I sindacati: "Inaccettabile"di GUIDO ANDRUETTO

TORINO - Non erano opere di Christo, il famoso artista che impacchetta
oggetti ed edifici, quelle decine di automobili parcheggiate nell'area
riservata ai dipendenti della Fiat Mirafiori che pochi giorni fa sono
state ricoperte con un telo. I legittimi proprietari, impiegati
dell'azienda, all'uscita dal lavoro se le sono ritrovate nascoste
sotto la coltre semitrasparente che ne celava parzialmente i marchi,
ovviamente della concorrenza.

Uno scherzo? Non esattamente. Per Fiat Group Automobiles si è trattato
di "un'azione sui dipendenti che possiedono automobili di una marca
concorrente, una campagna di marketing non convenzionale per
stimolarli ad acquistare delle auto nuove del gruppo tramite
un'esclusiva promozione".

Sulle auto, oltre al telo, era stato infatti apposto il disegno di un
grande cuore spezzato, con la didascalia "Vederti con un'altra ci ha
spezzato il cuore... Ma nonostante ciò continuiamo a pensare a te":
una disperata "dichiarazione d'amore" accompagnata dall'intervento di
due attori-performer che invitavano simpaticamente gli "infedeli" a
convertirsi allo shopping targato Fiat, offrendo loro la tariffa
scontata del 26 per cento su una nuova vettura del gruppo.

08/apr/2014

Dall'US Navy il carburante prodotto dall'acqua di mare

Piu' informazioni su:guerrapetroliobiocarburantiimbarcazioni

Trasformare l'acqua del mare in carburante. Il sogno di tutti i
moderni Re Mida che a quanto pare la marina degli Stati Uniti sta
facendo diventare realtà. Lo scopo dell'US Navy non è propriamente
esaltante: rifornire le navi da guerra. Ma almeno il fine ultimo va
premiato: diminuire radicalmente l'uso di petroliere in mare aperto.

Gli scienziati americani del Naval Research Laboratory della Marina
degli Stati Uniti un' idea buona l'hanno avuta: creare un mix di
anidride carbonica e gas idrogeno dell'acqua di mare e realizzare una
sorta di benzina che rifornisca le navi da guerra e con la quale, con
molta probabilità, si azzereranno i rischi di sversamento nelle acque.

Un po' di conti - Nel 2011, la US Navy, la Marina militare americana,
ha consumato quasi due milioni di tonnellate di carburante. Secondo i
ricercatori, al lavoro sul progetto da nove anni, utilizzare l'acqua
di mare potrebbe costare tra i 3 e i 6 dollari al gallone (3,8 litri).
"Per la prima volta - ha commentato la ricercatrice Heather Willauer -
siamo stati capaci di mettere a punto una tecnologia per catturare in
modo simultaneo la Co2 e l'idrogeno contenuti nell'acqua di mare,
facendone un carburante liquido. È un passaggio molto importante".

Il carburante ottenuto ha molte caratteristiche simili al cherosene
convenzionale, tra cui anche l'odore, e già può essere usato con i
motori di navi e aerei attualmente in commercio.

Ma di cosa si tratta nello specifico? Gli studiosi sono partiti da
un'idea di fondo secondo la quale gli idrocarburi sono composti da
carbonio e idrogeno e sono presenti in grosse quantità nelle acque
marine. Hanno così usato un trasformatore catalitico, convertendo le
sostanze gassose ottenute dall'acqua in un liquido. Per cui,
catturando il biossido di carbonio e l'idrogeno contenuti nell'oceano,
hanno prodotto un cherosene utilizzabile nei motori di navi, ma
l'obiettivo è anche quello di poter utilizzare questa tecnologia sugli
aerei da combattimento.

Per ora gli studiosi dell'NRL hanno dimostrato la fattibilità del
progetto facendo volare con questo nuovo tipo di carburante un
aeromodello. Una tappa importante, se si considera che in questo modo
i rischi di sversamento si riducono a zero e meno saranno i carburanti
da utilizzare. Oggi, infatti, la Marina militare a stelle e strisce
utilizza ben 15 petroliere per i rifornimenti in mare aperto, da
effettuare spesso con manovre pericolose e con tutti i rischi
ecologici del caso.

Il nuovo carburante per adesso è prodotto in piccole quantità e solo
in laboratorio, ma si mira a produrre scorte di carburante
direttamente in mare, riducendo gli oneri dei trasporti e rafforzando
di conseguenza la sicurezza. Detto fatto? Non proprio, i ricercatori
affermano che serviranno almeno altri dieci anni prima che le navi
americane siano in grado di produrre a bordo il carburante di cui
hanno bisogno.

la classifica dei 10 luoghi del globo più immortalati dai turisti

Ecco i 10 luoghi più fotografati al mondo

61%

TOTALE VOTI17

     
 
 
 
1 / 58

Slide Show

Dopo aver presentatola lista delle città più fotografate del mondo Sightsmap, servizio offerto da Google, svela la classifica dei 10 luoghi del globo più immortalati dai turisti. Dando un rapido sguardo alla top ten ci si accorge che il Belpaese la fa da padrone. Ben tre luoghi presenti nella lista sono italiani. Al primo posto si piazza il Guggenheim di New York, il museo di arte moderna e contemporanea più famoso al mondo. Fondato nel 1937, la struttura fu realizzata da Frank Lyod Wright ed è considerata tra le più importanti architetture del XX secolo (Foto Ap, testi di Francesco Tortora)

Inscrizione news letter settimanali!