09 giu 2014

Come fare un business digitale: consigli di startupper di successo

9 GIU 2014 di REDAZIONE in  con 0 COMMENTI

2014 04 28 Founders

Da Torino a Londra per creare una startup di successo. Inizia nella capitale inglese la storia di Fluentify, startup che offre conversazioni in videoconferenza con madrelingua di tutto il mondo. Bastano un collegamento a Internet, una webcam e un microfono.

L'hanno ideata due ragazzi torinesi, Andrea Passadori e Giacomo Moiso, 24 e 25 anni:

Dopo la laurea triennale, ci trovavamo a Parigi per il master della Escp (la business school che permette di studiare e lavorare a Torino, Parigi e Londra, ndr). Durante le prime lezioni ci sembrava impossibile poter sostenere esami e scrivere un test in francese. Alla fine ci siamo riusciti, ciò che ha fatto la differenza è stata il contatto quotidiano con amici e professori parigini. Da qui l'idea di offrire a tutti la possibilità di perfezionare le lingue, grazie all'uso di Internet» spiega Giacomo.

È così che i due ragazzi, ai quali si uniscono Matteo Avalle (26 anni, Phd in Computer Science) e Claudio Bosco (24, laurea in Media Design), progettano un market place in cui i tutor selezionati di tutti i Paesi del mondo offrono conversazioni in lingua di mezz'ora:

Per candidarsi, i tutor devono inviarci un video di presentazione, in cui verifichiamo lingua e motivazione. Poi testiamo la loro capacità di gestire una sezione di 30 minuti. Sono loro a fissare il prezzo della sessione, da 7 a 30 euro. Il guadagno per la piattaforma è il 20%».

I ragazzi hanno costituito la loro società a Londra:

Qui esistono formule e incentivi che aiutano le startup a crescere e la burocrazia è ridotta al minimo: Fluentify è stata fondata con 15 sterline, in 30 minuti online».

E sempre a Londra i ragazzi trovano il loro primo investimento: 300mila euro dal business angel Stefano Mersaglia, co Ceo di Mediobanca e londinese di adozione:

Quando ci ha incontrati la prima volta, Marsaglia ha subito capito il potenziale del progetto: anche il suo inglese non era fluente quando ha iniziato a lavorare all'estero, aveva vissuto le nostre stesse difficoltà».

Fluentify oggi conta 6mila iscritti, 70 tutor e 4mila lezioni vendute.

10174840_655841084470972_5518636454842502904_n

Ecco i loro 5 consigli per realizzare un business digitale che funziona:

1. L'idea nasce da un bisogno personale. Se ce l'hai tu e probabile che l'abbiano in tanti.

2. Pensa al prototipo. Si chiama Minimum Viable Product ed è il prototipo che consente di testare l'idea e il concetto del progetto. Solo questo ti permetterà di capire se la tua idea ha valore.

3. Se valido, i soldi arrivano. Gli investitori non vedono l'ora di finanziare progetti di valore, basta avere risultati che ne dimostrino la bontà.

4.  A Londra "si può". Nel Regno Unito puoi lanciare un progetto online con 15 sterline senza dover incontrare notai o commercialisti. Non è necessario aprire una Partita Iva fino a quando non si raggiunge un certo fatturato e i privati ottengono incentivi fiscali se investono nelle startup.

5. Seleziona un team. Se sei in crescita, coinvolgi talenti in modo da poter superare più agevolmente le fasi critiche.

Nessun commento: