19 mar 2012

Apple: dividendo da 2,65 dollari Buy back da 10 miliardi e investimenti per 45


La società di Cupertino ha annunciato che pagherà una cedola di 2,65 dollari per azione. Il cash flow per quest'anno sarà di 75 miliardi di dollari. Era dal 1995 che non staccava un dividendo. Steve Jobs si era sempre opposto. Buy back da 10 miliardi e investimenti per 45 miliardi

MILANO - Apple ha annunciato un dividendo di 2,65 dollari per azione e cosa farà dei 97,6 miliardi di dollari che ha in cassa. L'amministratore delegato, Tim Cook, e il direttore finanziario, Peter Oppenheimer, in una conference call hanno spiegato che spenderanno 10 miliardi di dollari per ricomprare titoli Apple (buyback), mentre 45 miliardi verranno investiti. Il pagamento dei dividendi è previsto per il quarto trimestre dell'anno fiscale 2012, ovvero a partire da luglio. Mentre il buyback nell'anno fiscale 2013, che inizia il 30 settembre 2012.

La società aveva pagato il suo ultimo dividendo nel 1995, prima del ritorno di Jobs in azienda, rilanciata da lui grazie ai nuovi prodotti. Il dividendo di 12 centesimi per azione era stato sospeso con la perdita di quote nel mercato dei computer. Ora il rilancio della società ha portato l'azienda a diventare la società col maggior valore di Borsa al mondo, superando la compagnia petrolifera Exxon Mobil: 545 miliardi di dollari contro 407 miliardi.

La liquidità in cassa del gruppo è salita grazie al successo dell'iPad, il numero uno dei tablet computer, e dell'iPhone, lo smartphone più venduto. Gli investitori chiedono da tempo di ridistribuire parte degli utili sotto forma di cedole e l'amministratore Cook ha alimentato la speculazione quest'anno quando ha affermato che "la società ha molto più denaro di quello che servirebbe per farla funzionare".

Le stime degli analisti era di un dividendo annuale compreso 
tra il 2 e il 3% del prezzo dell'azione. Significava una cedola compresa tra gli 11,71 e i 17,57 dollari basandosi sul prezzo di chiusura del titolo dello scorso 16 marzo (585,57 dollari), leggermente superiore ai 10,6 dollari annunciati. Per Bloomberg, invece, la stima era di un dividendo trimestrale di 2 dollari (8 dollari l'anno) per azione. La previsione era basata su quanto viene distribuito ai soci dalle altre grandi società di tecnologia di Wall Street da Microsoft a Ibm. Brian Marshal, un analista di Isi Group, prevedeva un dividendo di 14,65 dollari. 

La società di Cupertino insieme con Google era una delle due società che valgono più di 100 miliardi di dollari sul mercato a non distribuire. Nel primo trimestre fiscale del 2012, Apple ha generato un cash flow di 16 miliardi di dollari. Secondo le stime degli analisti, per l'intero anno ne dovrebbe produrre circa 75 miliardi. Il dividendo potrebbe essere un'altra manna per gli azionisti che hanno visto i titoli salire del 45% da inizio anno. Il co-fondatore di Apple, Steve Jobs, scomparso lo scorso ottobre, ha a lungo resistito alle sirene degli azionisti.

Nessun commento: