21 nov 2011

Sergey Brin, co-fondatore di Google, dona 500mila dollari a Wikipedia. L'appello di Jimmy Wales

l co-fondatore di Google, Sergey Brin, e la moglie Anna Wojcickihanno donato 500.000 dollari alla fondazione Wikimedia, che gestisce l'enciclopedia on line Wikipedia, attraverso la loro fondazione Brin Wojcicki. La coppia ha risposto così al recente appello personale lanciato dal fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales, per far sopravvivere l'enciclopedia. Da qualche giorno si legge a ogni accesso all'enciclopedia online.

L'anno scorso Google aveva regalato 2 milioni di dollari a Wikimedia. A pochi mesi dal decimo anniversario dalla fondazione, Wikipedia è tornata quindi a battere cassa per l'indipendenza. Nell'appello pubblicato nei giorni scorsi sul sito, Wales chiede il supporto dei lettori per sopravvivere. «Il commercio è cosa buona. La pubblicità non è cattiva. Ma non appartiene a Wikipedia», dice Wales che ricorda come il sito è il quinto più visitato al mondo «ed ogni mese più di 450 milioni di persone generano miliardi di visualizzazioni sulle pagine».

«Quando fondai Wikipedia, avrei potuto renderla una società a scopo di lucro inserendo delle pubblicità sul sito, ma decisi diversamente. Abbiamo lavorato duramente negli anni per mantenere i costi al minimo, e ci riusciamo, lasciando che siano altri a far spreco» dice Wales che nel suo appello che ricorda: «Wikipedia è qualcosa di speciale. È come una biblioteca od un parco pubblico. È come un tempio per la mente. È un luogo nel quale tutti noi possiamo andare a pensare, imparare, condividere la nostra conoscenza con gli altri».

«Se ogni persona che leggesse questo messaggio donasse 5 euro, dovremmo richiedere donazioni solo una volta l'anno. Ma non tutti possono o decideranno di donare. E va bene così. Ogni anno, giusto il numero di persone sufficiente decide di donare. Quest'anno, per favore, prendi in considerazione l'idea di donare 5, 10, 1000 dollari o la somma che puoi, per proteggere e sostenere Wikipedia», conclude Jimmy Wales.

Nessun commento: