18 nov 2011

Berlusconi si fa una nuova tv: in Rete La sede «a casa», negli spazi di Red Tv

L'ANNUNCIO DURANTE LA RIUNIONE DEL GRUPPO PDL ALLA CAMERA

Nei locali di Palazzo Grazioli dove era la web tv legata a D'Alema vuole aprire gli studi di un canale via Internet

MILANO - Berlusconi perde il posto a Palazzo Chigi, ma a Palazzo Grazioli, sua abitazione romana, vuole allargarsi per farne il quartier generale della sua strategia di rilancio. E da cosa può cominciare l'operazione se non da una televisione? «Ci riprenderemo gli spazi che erano della tv di D'Alema, "Red tv", e lanceremo una nostra televisione» ha detto Silvio Berlusconi ai deputati del Pdl nell'incontro di oggi. Il riferimento è ai locali che, fino all'agosto 2010 (quando è stata chiusa) hanno ospitato la web tv che faceva riferimento a D'Alema proprio nello stesso Palazzo Grazioli (una volta tanto, non si tratta di una proprietà esclusiva di Berlusconi che è in affitto in una parte dell'edificio). Rispetto alle esperienze d'origine del Cavaliere (da Milano Tv all'impero Mediaset) questa volta Berlusconi punta sulla Rete e non sull'etere ormai saturo, o sul satellite del nemico Murdoch. Sia Berlusconi sia Alfano hanno insistito infatti, durante la riunione del gruppo alla Camera, sulla necessità di sfruttare «le potenzialità di internet».

Nessun commento: