28 ott 2011

19 Maserati blindate per il ministero della Difesa

19 Maserati blindate per il ministero della Difesa

l ministero della Difesa italiano ha acquistato 19Maserati Quattroporte blindate, vetture che vanno a sostituire le vecchie Lancia Thesis eAudi A6 ormai giunte al termine del loro "ciclo tecnico di servizio". La notizia, giunta proprio nel momento in cui la crisi economica e finanziaria mondiale consiglia anche nel nostro paese tagli, restrizioni e contenimento della spesa pubblica, ha naturalmente sollevato un vespaio di polemiche, anche a livello parlamentare. Oltre a motivi di opportunità di questa sostituzione, molti sollevano la questione dei costi di acquisto delle lussuose modenesi che hanno un listino minimo di 117.361 euro quando montano il V8 di 4,2 litri e 400 CV.
ITALIANITA' E CONVENIENZA
Di fronte all'interrogazione urgente presentata dal deputato del PD Emanuele Fiano, che contrappone questo lussuoso ordinativo allamancanza di benzina per le auto della polizia, e alle proteste di Augusto Di Stanislao (IDV) che chiede la revoca dell'acquisto c'è la risposta del ministro Ignazio La Russa: "Queste Maserati non sono nell'utilizzo né del ministro, né dei sottosegretari, né del capo di gabinetto, né del mio staff. Chi si lamenta ora avrebbe dovuto farlo prima quando c'erano le Audi. Le Maserati acquistate costano meno e sono italiane". Anche il Gen. Claudio De Bertolis, segretario generale della Difesa, risponde alle contestazioni dalle pagine de l'Unità: "Erano le auto più convenienti. Tutti gli acquisti delle Maserati sono stati effettuati con contratti 2009-2010. Si tratta di macchine blindate destinate ai vertici della Difesa a cui compete la speciale protezione secondo quanto definito da un organismo del ministero dell'Interno".

E IL LIMITE DEI 1.600 CC?
Da quanto emerge quindi fino a questo momento le 19 Maserati Quattroporte con blindatura in arrivo al reggimento logistico dello stato maggiore dell'Esercito di Roma sarebbero destinate al trasporto dei generali e il loro acquisto è stato deciso quasi due anni fa, prima che esplodesse con clamore il caso dei "privilegi della casta". Apparentemente l'ingresso delle Maserati blindate si scontra anche con l'ultima legge finanziaria di Tremonti che relativamente alle cosiddette auto blu dispone all'Art. 2: "La cilindrata delle auto di servizio non può superare i 1600 cc. Fanno eccezione le auto in dotazione al Capo dello Stato, ai Presidenti del Senato e della Camera, del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Presidente della Corte costituzionale e le auto blindate adibite ai servizi istituzionali di pubblica sicurezza". Un ultimo dato su cui interrogarsi, oltre al costo di acquisto non indifferente (pur se abbattuto da forti sconti), sono i costi di gestione e manutenzione delle 19 Quattroporte, verosimilmente superiori a quelli di Thesis e A6. Resta anche da sapere se le spese per riparazioni e pezzi di ricambio rientrino all'interno del contratto d'acquisto, come spesso accade per le"vetture in uniforme".

Nessun commento: