09 mag 2012

Parcheggiatori abusivi davanti al tribunale sotto accusa gli ausiliari del traffico


A piazzale Clodio l'auto si lascia solo pagando la «mancia» agli irregolari, che si vantano: «Qui le multe non le fa nessuno, i controllori sono dalla nostra parte»

Un automobilista paga i parcheggiatori abusivi vicino a p.le Clodio (Proto) Un automobilista paga i parcheggiatori abusivi vicino a p.le Clodio (Proto)
ROMA - I parcheggiatori abusivi a pochi metri dall'ingresso del Tribunale di Roma, con il «benestare» (a sentir loro) perfino dei controllori delle soste tariffate a pagamento: gli ausiliari del traffico della Capitale. E' l'ultima sconcertante scoperta in termini di professioni inventate (e illegali) in riva al Tevere. I parcheggiatori non autorizzati di piazzale Clodio agiscono nonostante la zona sia coperta di strisce blu che segnano i parcheggi tariffati. Questo nonostante l'introduzione di 251 nuovi posti auto a pagamento nella zona della cittadella giustiziaria (in vigore dal 23 aprile).

Piazzale Clodio: il «pizzo» del parcheggiatore abusivo (foto Proto)Piazzale Clodio: il «pizzo» del parcheggiatore abusivo (foto Proto)
EFFETTO CONTRARIO - Le nuove strisce blu, per assurdo, erano state istituite dall'Amministrazione comunale di Roma anche per «limitare i fenomeni di abusivismo». Ma non hanno scoraggiato gli illegali, anzi: sembrano aver sortito l'effetto contrario. Anche in questi giorni, all'interno di un furgone posizionato nell'area di sosta a pagamento al centro della piazza, quattro parcheggiatori aspettano l'arrivo delle auto e poi, a turno, escono a dare informazioni ai conducenti e a intascare «l'offerta libera»: si tratta di una sorta di pizzo che il conducente paga, spesso per evitare di trovare, al suo ritorno, specchietti rotti o fiancate dell'auto rigate. E tra i quatttro abusivi che controllano la piazza c'è anche una donna.

MINACCE ALLE DONNE - Un ruolo invertito, in questo caso, perchè in genere le signore sono le vittime del taglieggiamento degli abusivi. All'inizio di marzo, nel quartiere di Testaccio, un cittadino turco di 47 anni era stato arrestato per estorsione: era solito minacciare le donne al volante affinchè pagassero bene la «custodia» della loro auto. Per questo era stato ribattezzato «il re dei parcheggiatori abusivi».

Auto in doppia fila «gestite» da un parcheggiatore abusivo (Proto) Auto in doppia fila «gestite» da un parcheggiatore abusivo (Proto)
«METTI IN DOPPIA FILA» - «Lasciala in doppia fila che oggi è un macello» consiglia vicino a piazzale Clodio il parcheggiatore più anziano a un automobilista. «Ci rivediamo domani», saluta un avvocato appena uscito dal Tribunale mentre prende l'auto lasciata su uno spazio di manovra. «Che mi dai solo 20 centesimi? Dovresti pagare un euro l'ora» dice il "socio" a una ragazza che aveva appena parcheggiato sulle strisce blu.

Un abusivo fa segno a un automobilista di parcheggiare in doppia fila (foto Proto)Un abusivo fa segno a un automobilista di parcheggiare in doppia fila (foto Proto)
«NESSUNO MULTA» - «Qui le multe non le fa nessuno, ci siamo noi - spiega uno dei parcheggiatori - vedi quella panda bianca del Comune di Roma? Il signore che all'interno sta leggendo il giornale è un ausiliario del traffico. Lui è tranquillo, ci fa lavorare e anche altri 2 suoi colleghi. Ce n'è solo uno che fa le multe e per fortuna oggi non lavora. Comunque prima poi si prenderà una borsata in testa da qualche avvocato».

RACKET ROMANO - Nella capitale il racket dei parcheggiatori abusivi è organizzato c0me una piccola holding illegale: ogni «guardiano» dedito alle piccole estorsioni nei confronti degli automobilisti ha una zona di competenza e quando gruppi estranei a un'area tentano di inserirsi nella strada o nella piazza sbagliata esplodono piccole guerre per il territorio: Risse e pestaggi non sono infrequenti. Il numero dei parcheggiatori fuori legge non è ben definito, ma sono tanti: basti pensare che lo scorso ottobre, in due sole notti di controlli, la polizia di Roma Capitale allontanò dal centro storico ben 27 abusivi, procedendo anche al sequestro delle mance ricevute dagli incauti automobilisti e alla rimozione di una grentina di veicoli in sosta vietata.

Nessun commento: