19 mag 2014

Il Qatar mette un piede in Deutsche Bank. L'istituto verso un aumento da 8 miliardi Secondo il Financial Times la banca più importante di Germania si prepara a un maxi-rafforzamento di capitale, nell'ambito del quale 1,75 miliardi saranno dedicati al veicolo della famiglia reale. Così la patrimonializzazione salirebbe al top in Europa

MILANO - Deutsche Bank si prepara ad accogliere nel suo capitale la famiglia reale del Qatar, che secondo ilFinancial Times parteciperà massicciamente alla prossima emissione di titoli della prima banca tedesca. L'istituto sarebbe infatti in procinto di annunciare un rafforzamento di capitale da 8 miliardi di euro, una cifra superiore alle aspettative, per scalare il ranking di solidità patrimoniale in Europa e mettersi al riparo dall'analisi degli attivi da parte della Bce. In quest'operazione, una parte importante verrà svolta dalla Paramount Services Holding, il fondo d'investimento della famiglia reale del Qatar: 6,3 miliardi di euro verranno infatti raccolti attraverso l'emissione di diritti per la sottoscrizione di nuovo capitale, mentre 1,75 miliardi arriveranno direttamente dal Qatar.

Il quotidiano della City scrive che in questo modo Deutsche Bank vedrebbe salire il proprio core tier one dal 9,5 al 12 per cento circa. Il livello attuale, per altro in discesa nel primo trimestre dell'anno dal 9,7 per cento precedente, pone il colosso tedesco lontano delle migliori banche europee per capitalizzazione. L'Ft ricorda come l'azionariato di Deutsche Bank sia abbastanza spaccato al riguardo: da una parte c'è chi chiede il rafforzamento anche a costo di diluirsi, dall'altra c'è chi ritiene che non sia il momento buono per farlo, con i titoli che hanno sottoperformato i rivali e sono passati da area 40 euro a metà gennaio all'attuale area 30 euro. L'aumento di capitale sarebbe un secondo
round di chiamata a raccolta degli investitori a breve distanza dal collocamento di 90 milioni di titoli, per un valore di 3 miliardi, realizzato presso investitori istituzionali nell'aprile scorso.

Nessun commento: