19 mag 2014

Caso Kerviel, il finanziere annuncia: "Torno in Francia e mi costituisco"


L'ex trader si era rifugiato in Italia dopo la condanna in appello per il buco da 5 miliardi alla banca SocGen. Nei giorni scorsi era riuscito a incontrare il Papa

Jerome Kerviel, l'ex trader di 37 anni condannato a tre anni di carcere nel 2010 per aver fatto perdere alla sua banca Societe Generale 5 miliardi di euro, ci ha ripensato. Di fronte alla minaccia di un mandato di cattura internazionale, ha annunciato che andrà a costituirsi. "Sto tornando in Francia", ha detto lasciando il suo albergo di Ventimiglia, sbarbato di fresco e con lo zaino sulle spalle. Secondo quanto dichiarato, la sua intenzione è consegnarsi agli agenti del commissariato frontaliero di Mentone. Ieri aveva condizionato il suo ritorno alla concessione della grazia da parte di Francois Hollande.

Kerviel era andato in pellegrinaggio da Parigi a Roma per incontrare il Papa, che lo ha ricevuto nei giorni scorsi.
Mentre era sulla via del ritorno è giunta la conferma della condanna da parte della Corte d'Appello. Kerviel ha sempre sostenuto di essere stato una pedina di un gioco più grande che coinvolgeva altre persone nella maxi-frode e aveva chiesto l'immunità per nuovi testimoni a sua discolpa. Secondo le accuse, sei anni fa, Kerviel fece perdere oltre 5 miliardi di euro a SocGen attraverso operazioni di trading non autorizzate per oltre 50 miliardi di dollari.

Nessun commento: