31 mag 2013

Super ricchi nel mondo: il boom asiatico dribbla la crisi e fa volare il numero dei multi-milionari

LONDRA - Sarà anche crisi per i comuni mortali, ma i Paperoni del mondo non la sentono affatto. Anzi, il numero di super-ricchi ha raggiunto un livello mai toccato prima. Dodicimila persone o famiglie nel mondo possiedono una ricchezza superiore ai 100 milioni di dollari, mentre 13,8 milioni possono rientrare nel gruppo dei milionari.

Nel 2012 la ricchezza privata è aumentata del 7,8% a 135.500 miliardi, secondo un rapporto del Boston Consulting Group (Bcg), e continuerà a crescere fino a raggiungere i 171.200 miliardi nel 2017 . L'incremento è dovuto soprattutto alla rapida crescita dei Paesi emergenti e dimostra, secondo Bcg, che l'economia globale sta finalmente uscendo dalla spirale negativa innescata dalla crisi finanziaria.

L'Asia è la regione che ha registrato la maggiore crescita nel 2012, con un balzo della ricchezza privata del 17% a 28mila miliardi di dollari, e le previsioni sono di una continua ascesa nei prossimi anni. Entro il 2017 la ricchezza toccherà i 48.100 miliardi, secondo le stime di Bcg.

Nonostante l'irresistibile ascesa dell'Asia, gli Stati Uniti restano il Paese più ricco, seguito dal Giappone e dalla Cina. Si prevede però che Pechino effettui il sorpasso su Tokyo entro il 2017 piazzandosi seconda in classifica. Germania e Gran Bretagna sono insieme in quarta posizione.

Tra i grandi Paesi emergenti, solo la Cina si piazza tra i primi quindici, mentre Brasile, Russia e India restano ancora indietro. Il piccolo emirato del Qatar ha la maggiore densità di milionari: 143 su mille abitanti sono tra i piú ricchi del pianeta.

«Il mondo sembra essersi lasciato alle spalle la crisi finanziaria e ci sono più milionari e super-ricchi che mai, - afferma Brent Beardsley, managing director di Bcg. – Potrebbero emergere altri problemi, ma sembra che il mondo si stia riprendendo, con i mercati azionari in ascesa e i mercati emergenti in crescita».

Il rapporto, che Bcg compila ogni anno dal 2000 utilizzando dati ufficiali e da oltre 130 gestori e banche private, prevede un'accelerazione nell'accumulazione di ricchezza da parte dei super-ricchi. Nel mondo avanzato la ricchezza è spinta dalla forte ripresa dei mercati azionari, mentre nei Paesi emergenti è la crescita economica a generare ricchezza.

Nessun commento: