05 apr 2013

Guerra di carte bollate, Coppola batte Zunino Al «furbetto del quartierino » 5,5 milioni di euro

Sentenza di risarcimento dei danni del tribunale di Milano: l'immobiliarista vittima di «operazione fiscalmente illecita»

Danilo Coppola (Imagoeconomica)Danilo Coppola (Imagoeconomica)
ROMA - Risarcimento milionario a favore di Danilo Coppola, l'immobiliarista coinvolto nell'inchiesta sulla tentata scalata di Unipol a Bnl diventato famoso grazie all'intercettazione telefonica sui «furbetti del quartierino». Il Tribunale di Milano infatti ha dato ragione alla sua Mib Prima, che incasserà 5,5 milioni di euro dalla Nuova Parva di Luigi Zunino: anch'egli un immobiliarista, indagato nell'inchiesta sulle tangenti al Pirellone e condannato in Cassazione a un anno e mezzo per un'altra tentata scalata, quella di Bpi ad Antonveneta.

Corrado Zunino (Imagoeconomica)Corrado Zunino (Imagoeconomica)
«OPERAZIONE FISCALMENTE ILLECITA» -La sentenza, si afferma, «così come aveva già fatto la commissione tributaria di Milano, ha sancito la responsabilità di Nuova Parva nell'aver causato con un'operazione fiscalmente illecita il debito d'imposta su Chiaravalle, società acquisita nel 2006 dal Gruppo Coppola». Inoltre lo studio dell'avvocato Alfredo Irti «aveva ottenuto mesi fa l'annullamento della sentenza dichiarativa di fallimento della società Micop da parte della Cassazione», fallimento da cui era scaturita la detenzione di Coppola.

Nessun commento: