12 apr 2013

FRANCESCO CHIESA SOPRANI: «QUESTO SEGRETO FA MALE AGLI ITALIANI» L'ex agente di Noemi Letizia rivela: «Sesso con Berlusconi da minorenne»

E Ruby gli disse: «Io sto qua perché mi pagano la casa, mi fanno
divertire. Scopata più, scopata meno, ormai...»

La ragazza di Portici, Noemi Letizia (Afp)
Sull'affaire Noemi Letizia, mai caduto nel dimenticatoio, arriva
l'ennesima dichiarazione che riaccenderà le polemiche sul suo
particolare rapporto con Silvio Berlusconi, ex presidente del
Consiglio. Ad accendere la miccia stavolta è Francesco Chiesa Soprani,
ex agente della "ragazzina" di Casoria, in un'intervista esclusiva a
Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro: «Noemi mi disse di
come conobbe il premier e mi spiegò che quando era minorenne, a Roma,
ci fu un rapporto consenziente. Questo segreto non fa male a Noemi,
questo segreto fa male agli italiani. Di conseguenza non voglio che
l'Italia venga governata o comunque che gli italiani non si rendano
conto di chi è una persona. Non era amico del padre, e siccome questo
lo so, lo voglio dire agli italiani. Italiani: non era amico del
padre. Domani mi minacciano? Domani mi sparano? Sono contento così».



IL CASO RUBY - Chiesa Soprani - interpellato da Corriere.it - aggiunge
anche che queste sue dichiarazioni sono state motivate dalle
dichiarazioni pubbliche rese da Ruby fuori dal tribunale di Milano.
Mentre su che fine abbia fatto la ragazza di Portici, assicura: «Si
gode i soldi che si è presa immagino. Io ebbi il numero da Emilio
Fede, la chiamai, pagai l'aereo a lei e al padre, e vennero in studio
da me. Il papà mi disse: "Guarda Francesco non mi interessa il
discorso economico, in quanto chi di dovere - e uscì il nome di
Berlusconi, ci ha già pagato"». L'ex agente di Noemi ha raccontato
anche un episodio riguardante la marocchina, che ha negato rapporti
sessuali con l'ex premier nelle serata del Bunga Bunga: «Io gli
spiegai che facevo l'agente televisivo e Ruby mi disse: "Guardi che
qua io ho già Lele Mora, Emilio Fede e Silvio Berlusconi che si stanno
occupando di me, siccome sono minorenne" e quindi Berlusconi sa che è
minorenne. "Io sto qua perché mi pagano la casa, mi danno i soldi, mi
fanno divertire". E poi ha concluso dicendo "scopata più, scopata
meno, ormai..."».

Noemi, le immagini della festa dei 19 anni

Mi piace questo contenutoNon mi piace questo contenuto
00
185
Invia contenuto via mail
Link:

LA REPLICA - E non si è fatta attendere la replica di Niccolò Ghedini,
legale di Silvio Berlusconi: «Le dichiarazioni rese da tale Soprani,
sulla cui credibilità è sufficiente leggere quanto di se stesso
ammette in un'intervista dell'aprile 2011 a Vanity Fair, relativamente
ai rapporti tra il presidente Berlusconi e Noemi Letizia e Ruby, sono
totalmente destituite di ogni fondamento. Del resto entrambe hanno
sempre e reiteratamente escluso le fantasiose illazioni del Soprani».

Nessun commento: