08 feb 2013

Scandalo Libor, era "Rain Man" (ovvero il trader Tom Hayes) a tirare le fila

NEW YORK - Al centro delle scandalo della manipolazione del Libor spunta la figura di "Rain Man". È questo il soprannone di Tom Hayes, il giovane trader che ha l'onore di essere di fatto l'unico indicato per nome tra i tanti operatori anonimi citati dagli inquirenti americani e britannici che hanno negoziato multe salate con Barclays, Ubs e adesso Royal Bank of Scotland.

Hayes, 33 anni, secondo quanto ricostruito dal Wall Street Journal è affiorato come il tassello cruciale di congiunzione dell'intera rete di manipolazione dei tassi di interesse. È passato nell'ultimo decennio da Royal Bank of Scotland a Royal Bank of Canada, da Ubs a Citigroup, portando con sè i contatti e il know how sulle più efficaci strategie per truccare il Libor. Ed è in queste banche, tra i colleghi, che si è guadagnato anche il soprannome che gli rimasto addosso: intelligenza geniale, ma sociallmente goffo. Taciturno e ansioso, vestito come uno studente nonostante fosse pagato come un banchiere. Insomma Rain Man, come il personaggio interpretato da Dustin Hoffman nell'omonimo film. 
Le sue e-mail sono tra le più rivelatrici rinvenute dalle autorità. Un caso esemplare: a un'altra banca chiese apertamente di "tenere molto basso il Libor per i prossimi giorni", che in seguito avrebbe "restituito il favore".

La manipolazione dell'indicatore, basato su tassi interbancari comunicati dalle banche, serviva a gonfiare i profitti di un trader come Hayes, consentendo loro sicure scommesse sulla loro direzione. E anche di far apparire le banche più solide di quanto non fossero.
Ma l'aspetto più inquietante venuto alla luce è che Hayes avrebbe spesso agito con l'appoggio, più o meno esplicito, dei suoi superiori. Il suo talento nel rastrellare profitti era noto: cominciò nel 2001 come junior trader a Rbs ma presto scalò posizioni. Citigroup nel 2009 lo strappò a Ubs - dove era nel frattempo approdato nel 2006 e presso l'ufficio di Tokio aveva sviluppato appieno le sue manipolazioni - con un'offerta di lavoro da cinque milioni di dollari. A Ubs alcuni funzionari cercarono di convincere la banca a rilanciare. La ragione citata senza remore: Hayes sapeva come far oscillare ad arte il Libor.

Nessun commento: