07 nov 2012

E le librerie provano a “vendicarsi” di Amazon

Si chiama The 4-Hour Chef ed è un best seller annunciato di Timothy Ferriss, visto che il suo precedente libro (The 4-Hour Workweek) ha venduto mezzo milione di copie. Il problema è che l'editore del primo libro era il Crown Publishing Group, mentre il secondo è Amazon il che – visto che stiamo parlando di edizioni cartacee – fa una certa differenza.
Tant'è vero che, come racconta l'Herald Tribune, diverse librerie americane hanno annunciato che non venderanno The 4-Hour Chef . Non lo farà Barnes&Noble, la catena che ha anche tentato con il Nook di fare concorrenza ad Amazon sul mercato dei reader. Non lo faranno i negozi di Books Inc. (San Francisco), per la semplice ragione che "a un certo punto devi decidere quanti chiodi vuoi piantare per chiudere la tua bara", come dice il suo proprietario Michael Tucker. Non lo farà Book Passage, libreria di Marin County, fuori dalla città californiana.

Altre librerie, più o meno grandi, degli Stati Uniti, offriranno invece il libro ai propri clienti, perché è "meglio noi che Amazon", il bersaglio numero 1 dei "boicottatori" anche se c'è chi se la prende con l'autore. "Gli scrittori dovrebbero sostenere gli editori che li hanno sostenuti", spiega Bill Petrocelli, co-proprietario di Book Passage, ricordando che la Crown aveva pubblicato il primo libro di Ferriss dopo 12 rifiuti di altre case editrici. Tre mesi fa l'annuncio dell'ingresso di Amazon nell'editoria cartacea. La guerra è iniziata molto prima del previsto.

Nessun commento: