02 ott 2012

Anche un magnate britannico interessato a Villa Certosa

Il Sunday Times non usa condizionali e dà per certa l'avance di un imprenditore inglese per l'acquisto di Villa Certosa, la mega-residenza del Cavaliere sulla Costa Smeralda.:

"Un magnate britannico ha presentato un'offerta per la villa in Sardegna dove Silvio Berlusconi ha organizzato alcune delle sue feste bunga-bunga", ha scritto domenica il giornale londinese, mettendo in evidenza con un po' di campanilismo l'esistenza di un offerente inglese. Ma mentre la voce della vendita imminente della villa continua a girare il mondo, l'identità del possibile acquirente resta segreta. Neppure il Times fa nomi, puntualizzando in modo alquanto lapalissiano che il businessman britannico in questione è un imprenditore "con interessi nelle proprietà di lusso".

Più creativo il titolo, dove "bunga" diventa forma verbale: "Bungami 400 milioni di sterline e la villa è tua". La famosa magione con 27 camere da letto è valutata fino a 500 milioni di euro, circa 400 milioni di sterline, spiega il giornale. 

Sono desiderosi di comprarla – aggiunge - anche non meglio identificati principi ed emiri di Arabia Saudita e Qatar e due miliardari russi, uno dei quali vicino a Vladimir Putin. Il Sunday Times cita la Nuova Sardegna, che qualche giorno fa scriveva che "la vendita del secolo" era imminente. Il giornale sardo specificava sul suo sito che un imprenditore londinese "potrebbe aver avuto la meglio, con prospettive di rivendere, a bocce ferme, l'intero compendio a una società da nominare".

Da settimane si rincorrono freneticamente le voci sull'affare, indiscrezioni rimbalzate anche sui siti della stampa estera. 
Il Sunday Times ricorda che Berlusconi sta cercando di vendere Villa Certosa dal 2008, da quando il fotografo Antonello Zappadu ha scattato foto di donne in topless vicino alla piscina insieme all'allora primo ministro della Repubblica ceca Mirek Topolanek, nudo. Berlusconi era stato fotografato con due donne in braccio. "Vendo tutto, ne ho avuto abbastanza", disse l'ex premier, che denunciò Zappadu per violazione della privacy.
Tra le meraviglie della villa riassunte dal Sunday Times, un vulcano artificiale e l'ingresso dal mare in una grotta stile James Bond. 
Secondo quanto riferisce il giornale britannico, Claudio Giuntoli, un agente immobiliare di Porto Rotondo che in passato aveva tentato di vendere la villa per conto di Berlusconi, afferma che per l'ex premier sarà difficile separarsi dalla villa. "Vuole venderla, ma vuole anche tenerla. E' un rapporto di amore-odio. I suoi figli lo spingono a vendere perché non ci vengono molto, ma lui ci tiene e ha continuato a migliorarla per due decenni. Ci ha speso su 50 milioni di euro". 

Giuntoli – si legge sul Sunday Times - dice che tre anni fa aveva quasi concluso la vendita con lo sceicco Mohammed Al Nahyan, principe di Abu Dhabi, ma che l'affare sfumò quando un diplomatico italiano ne parlò pubblicamente. 
Non manca qualche battuta di Mariano Apicella, il cantante che ha fatto vari Cd con Berlusconi: "Mi dispiacerebbe se Berlusconi vendesse la villa. E come una seconda casa per me", dice. Ma subito aggiunge: "Il problema è che i paparazzi non rispettano la privacy di Berlusconi. Pensi di essere in privato e invece non lo sei. E' così grande che i paparazzi ti beccano. E' inevitabile".

Nessun commento: