05 set 2012

El gordo e la dama colombiana: la fine dei due leader del traffico di droga


Griselda Blanco assassinata con metodi che lei stessa aveva introdotto nelle guerra tra bande. Arrestato invece Cardenas

Griselda Blanco, ex Griselda Blanco, ex "padrina" della coca colombiana
WASHINGTON - Griselda Blanco, 69 anni, alias "la dama" o "la padrina", colombiana. Mario Cardenas, detto "El Gordo", messicano, leader del cartello del Golfo. Due personaggi con un punto in comune: il traffico di droga. Ora le loro strade criminali hanno incontrato un epilogo. La Blanco non c'è più, liquidata come tante delle sue vittime. Cardenas, invece, è stato arrestato.

GRISELDA - Ripartiamo da Griselda. L'hanno assassinata in una via di Medellin, all'uscita da una macelleria. Due colpi sparati a bruciapelo da killer in moto. Un modus operandi spesso usato dai suoi uomini. Anzi, secondo una versione, sarebbe stata proprio lei a introdurlo nelle guerra tra bande colombiane. Metodi spietati di una "dama" che ha vissuto in una realtà non meno dura. Nata in un quartiere povero di Medellin, si è arrangiata come borseggiatrice e poi è passata al mercato della coca creando una banda poderosa legata al famoso Pablo Escobar. E si è fatta rispettare mandando i suoi sicari - a cominciare dal preferito, Jorge Ayala - a regolare i conti: almeno 40 gli omicidi nei quali è stata coinvolta. Alcuni - compreso uno costato la vita ad un bimbo di soli 2 anni - avvenuti negli Usa. Ha guadagnato (illegalmente) una fortuna ed ha pagato in proprio. I suoi nemici le hanno ucciso tre mariti e due dei quattro figli, tutti legati al contrabbando. Lei, invece, è sfuggita alle pallottole ma non alla giustizia. Catturata nel 1985, si è fatta tredici anni ed è stata poi estradata in Florida dove rischiava di finire sul patibolo. Ma anche lì ha dribblato la morte.

Nessun commento: