07 mag 2012

Ruby e le richieste a Spinelli "Gli dica che sono nella m..."


Le telefonate della ragazza che rivendica i soldi promessi da Berlusconi. Accorata, pressante, a volte quasi minacciosa. Per due volte, a settembre e ottobre del 2010, ottiene ciò che vuole. Il difficile ruolo del ragioniere alle prese con gli incontri settimanali col Cavaliere e le numerose richieste da soddisfare

Le richieste sempre più pressanti di Ruby, la tetragona fermezza del ragionier Spinelli che non scuce un euro se non autorizzato e che vede il capo una sola volta alla settimana (il lunedì), e ha sempre una sfilza di richieste e pochissimo tempo per esporle... La voce della ragazza che si fa querula, disperata, quasi minacciosa... Il gruppo di telefonate, che Repubblica.it propone in esclusiva, hanno una certa rilevanza nel processo che riprende oggi perché dimostrano che Ruby el Mahroug (nell'autunno del 2010, nel periodo in cui era interrogata dai pm milanesi) riceveva denaro da Berlusconi. Ma, soprattutto, rispondono in maniera chiara alle dichiarazioni del Cavaliere che, ai margini del processo di Milano, ha affermato che Ruby era stata ad Arcore una sola volta e che lui non aveva più avuto contatti con la ragazza dalla famosa notte tra il 27 e il 28 maggio. Ora, le numerose telefonate di Ruby a Spinelli tra settembre e ottobre, dimostrano che i contatti ci sono stati e che Ruby, in entrambi i mesi ha chiesto e ottenuto dei soldi da Berlusconi.

ASCOLTA LE TELEFONATE: RUBY-SPINELLI

TUTTE LE INTERCETTAZIONI

Siamo dunque nell'autunno del 2010. Ruby ha (o dice di avere) seri problemi economici e spiega in tutti i modi al malcapitato Spinelli che Berlusconi le ha promesso un aiuto economico. Educata: "Sono in situazioni non piacevoli..."; "...La situazione sta diventando molto critica...". Critica: "Mi risponde sempre una segretaria piuttosto scorbutica...". Vagamente minacciosa: "Non so se ha saputo le ultime  cose che sono successe..." . Fino allo scatologico ma efficace: "Sono nella merda...". 

Spinelli, va detto, è fantastico. Sempre educatissimo, usa il "lei", s'imbarazza quando non ha risposte, non perde mai la pazienza anche quando Ruby (intorno alla metà di settembre) chiama praticamente tutti i giorni e cerca di spiegare, di ottenere almeno un incontro con Berlusconi... Tanto che, ascoltando le telefonate, si capisce qualcosa di più della complicata contabilità di Arcore e delle Olgettine. Spinelli, si sa, gestisce (almeno nel giorno per giorno) il patrimonio personale di Berlusconi: paga i fornitori (e le "fornicatrici") di Arcore, e racconta che, spesso, il Cavaliere gli manda delle persone bisognose

In una testimonianza, lo stesso Spinelli, colloca Ruby in questa categoria e spiega di averle consegnato 8.500 euro in due momenti. In realtà, dalle intercettazioni, è chiaro che Spinelli gestisce dal punto di vista economico e abitativo la miriade di ragazze che partecipano ai festini. E Ruby (che ad Arcore ha trascorso almeno due settimane consecutive nell'aprile del 2010) è una di queste.

Sia come sia, Spinelli, davanti all'insistenza di Ruby spiega come funziona la faccenda. Lui, il ragioniere, vede il Cavaliere una volta alla settimana, il lunedì, di solito alla sera. Sono incontri che, a volte, soprattutto quando "Lui" è molto occupato diventano sempre più brevi, in cui il povero Spinelli non riesce quasi mai ad elencare tutte le infinite richieste da soddisfare. Proviamo a immaginare Spinelli che, ogni lunedì sera, viene ammesso al cospetto del Cavaliere nella magione di Arcore. Il capo un  po' curvo, libri mastri in mano, carte e scartoffie... Se vogliamo aggiungere un tocco letterario, diremmo che Spinelli è vestito di grigio e porta le mezze macchine nere per non rovinare la giacca... Lui, il Cavaliere, ha poco tempo e molte cose da fare... Magari, nell'ufficio c'è anche qualcun altro e Spinelli, imbarazzatissimo, non sa mai se di certe cose si può parlare davanti a terze persone. Così, a volte, finisce che l'elenco di questioni diligentemente preparato dal ragioniere, viene buttato all'aria da Berlusconi e molte domande restano senza risposta... Va detto, però, a onor del vero, che la contabilità di Arcore era "allegra" dal punto di vista del merito (centinaia di migliaia di euro all'anno per le Olgettine), ma non da quello tecnico. Come anche la Minetti ha avuto a dire in una telefonata di quello stesso periodoquando spiegava a Elisa Toti che "... 130 euro in più al mese per l'affitto non sono un problema per lui... Ma è meglio dirgli sempre tutto...".

E' questo che, in sintesi, Spinelli spiega a Ruby che telefona quasi tutti i giorni, implora e impreca. E la storia si ripete per due mesi consecutivi. C'è la settimana che l'appuntamento salta o si riduce a tal punto che Spinelli non fa in tempo ad arrivare alla voce "Ruby" nel suo elenco. C'è la settimana che Berlusconi sentenzia: "... Ne parliamo dopo...". E lui, poi, riferisce a Ruby: "... Mi dispiace, ma non sono stato autorizzato a far nulla... E' stata una giornata tremenda... Ho solo accennato, ma ho dovuto tagliare perché c'erano tante cose e lui aveva per la testa problemi grossi...". Grossi, almeno, come i vari tentativi di far passare le nome ad personam di cui in quei giorni (20 ottobre) si discuteva...

Comunque, alla fine, Ruby qualcosa ottiene: sia a settembre che a ottobre. Perché a settembre, a un certo punto, telefona ad Arcore e lascia detto alla segretaria di ringraziare il Cavaliere "per il regalo"... Verso la fine di ottobre, invece, finalmente Spinelli è stato "autorizzato". "Può passare anche oggi" dice alla ragazza. E Ruby, che sta andando a Genova per lavoro chiede se è un problema spostare l'appuntamento al giorno dopo...

Pochi giorni prima, però, il 19 ottobre, c'era stata una telefonata quasi "telegrafica" in cui Ruby, snocciolando le parole tutte d'un fiato (quasi leggesse con il tono di un sequestratore che chiede il riscatto al telefono), aveva detto: "Per favore, parli con lui... Non so se ha saputo le ultime cose che sono successe... Ho bisogno del suo aiuto perché non ho come fare... Glielo dica in questo momento perché voglio avere notizie al più presto... Salve...".

Nessun commento: