16 mag 2012

Pantelleria: sequestrati beni di Gheddafi

SOTTO SEQUESTRO I BENI DELLA FAMIGLIA GHEDDAFI


Si tratta di un complesso alberghiero e terreni per un valore di 20 milioni di euro

Il complesso alberghiero sequestrato (Foto Proto)Il complesso alberghiero sequestrato (Foto Proto)
MILANO - Un complesso alberghiero ed alcuni terreni a Pantelleria (Tp) riconducibili alla famiglia dell'ex leader libico Gheddafi per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma. Il provvedimento - emesso dalla Corte di Appello di Roma - è frutto delle indagini avviate dal Nucleo di polizia tributaria della capitale a seguito del sequestro, nello scorso mese di marzo, di un ingente patrimonio attribuibile al defunto leader libico, per un valore complessivo di oltre 1,3 miliardi di euro.

Pantelleria, sequestrati i beni di GheddafiPantelleria, sequestrati i beni di Gheddafi    Pantelleria, sequestrati i beni di Gheddafi    Pantelleria, sequestrati i beni di Gheddafi    Pantelleria, sequestrati i beni di Gheddafi   Pantelleria, sequestrati i beni di Gheddafi

GLI ALTRI BENI - «Fra gli asset all'epoca sottoposti a vincolo, detenuti per il tramite di società operanti nel nostro Paese - ricordano gli investigatori - spiccano le partecipazioni azionarie in Unicredit, Eni, Finmeccanica, Fiat, Fiat Industrial e Juventus FC». Gli accertamenti delle Fiamme gialle hanno consentito ora di individuare altre società collegate alla famiglia Gheddafi, una delle quali risultata proprietaria del complesso alberghiero e di alcuni terreni, situati nell'isola di Pantelleria, a «Punta Tre Pietre». L'attività del Nucleo di polizia tributaria di Roma si inserisce nella rogatoria internazionale, richiesta dal Tribunale penale internazionale dell'Aja nell'ambito del procedimento per crimini contro l'umanità nei confronti di Gheddafi, del figlio Saif Al Islam e dell'ex capo dei servizi segreti Abdullah Al Senussi, volta a cautelare il patrimonio degli imputati, ai fini del risarcimento delle vittime del regime. L'azione del Tribunale dell'Aja, a sua volta, si basa su decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite e su regolamenti del Consiglio dell'Unione europea, con cui i due organismi, di fronte al precipitare della situazione politica in Libia, avevano richiesto alla comunità internazionale di procedere al congelamento di tutti i beni riconducibili alla famiglia dell'ex dittatore.

Nessun commento: