15 mag 2012

Londra blindata per l'Olimpiade I missili anche sui tetti delle case


Protestano gli inquilini. Il governo: nessun rischio, armi sicure

LONDRA - Una porta-elicotteri d'assalto sul Tamigi, 48.000 agenti della sicurezza, 13.500 soldati. La lista va avanti. Numeri e cifre fanno impressione, ma per gli abitanti di Londra, e più in particolare delle zone di Bow e Waltham Forest, più sconcertante ancora è la possibilità di ritrovarsi sul tetto una batteria di missili terra-aria. Una possibilità più che concreta, come li ha informati un volantino del ministero della Difesa. «Il vostro palazzo è l'unico nella zona ad offrire una visuale perfetta dell'area circostante e dello spazio aereo sopra il parco olimpico».

Detto fatto: alcuni giorni fa, proprio mentre la HMS Ocean risaliva il fiume e attraversava la diga Thames Barrier per posizionarsi vicino allo stadio dove il 27 luglio inizierà l'Olimpiade, hanno avuto luogo le prime esercitazioni (senza esplosivo). Sei le postazioni missilistiche, gestite da personale altamente qualificato, assicura il ministero. Almeno due dei palazzi utilizzati sono abitati, il Bow Quarter, a Bow, e la Fred Wigg Tower, 17 piani di cemento a Waltham Forest, e gli inquilini, comprensibilmente, non sono contenti.
«Non credo che un edificio residenziale sia un luogo adatto per una base militare improvvisata dotata di missili che viaggiano a tre volte la velocità del suono e possono colpire un bersaglio lontano cinque km», si è sfogata la signora Hilal Bozkurt con il New York Times . È d'accordo Brian Whelan, 28 anni, che vive in uno dei 750 appartamenti del complesso Bow Quarter: «Ho studiato le proprietà di questi missili - dovrebbe trattarsi di Starstreak ad alta velocità, stando a quanto indicato dal ministero della Difesa -. Non mi sembra il tipo di arma da dispiegare in una zona densamente abitata come la nostra».

Il ministero ha cercato di rassicurare la popolazione, sottolineando che i missili sono completamente sicuri e «verranno utilizzati solo nel caso di una minaccia alla sicurezza estrema e confermata». Durante l'Olimpiade e le esercitazioni ci saranno sino a 10 soldati nei palazzi interessati e diversi agenti di Scotland Yard. Missili non rumorosi, alimentati da elettricità e per i Giochi dotati anche di un generatore ausiliare silenzioso. 
Infine, la risposta a una domanda più che lecita. La presenza di questi missili non ci renderà un bersaglio particolarmente interessante? «La presenza 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana di personale armato aumenterà la vostra sicurezza», si legge sul volantino. «Non diventerete un bersaglio». Sarà, ma gli abitanti dei palazzi si sono rivolti a un avvocato, per sapere quali sono i loro diritti e se il governo ha carta bianca quando si tratta di sicurezza.

La realtà è che l'operazione sicurezza è lecita, oltre che costosa. A poche settimane dalla cerimonia d'apertura, la parcella è già il doppio rispetto alle previsioni (supera i 600 milioni di euro) e con ogni probabilità continuerà a salire (così come il costo totale dell'Olimpiade, che per ora si aggira sui 15 miliardi). La legge per i Giochi Olimpici, varata nel 2006, dà nuovi poteri alle forze dell'ordine, permettendo l'uso della forza anche in situazioni dove il bobby inglese, tradizionalmente non armato, una volta non poteva intervenire.

Londra, città tra le più sorvegliate al mondo con telecamere a circuito chiuso, verrà dotata di armi soniche in grado di disperdere la folla, scanner biometrici e sistemi di controllo del contagio di malattie. Il parco olimpico è circondato da una barriera elettrica di 17 km che verrà controllata da 55 squadre di cani da guardia. In più i jet e gli elicotteri con base all'aeroporto militare di Northolt. Lockdown London , dice il quotidiano The Guardian : metropoli chiusa e blindata. E, speriamo, sicura.

Nessun commento: