21 mag 2012

Il numero uno mondiale delle sale cinematografiche è cinese


Wanda, una società fondata a Pechino nel 1988, ha comprato per 2,6 miliardi di dollari la statunitense Amc e creato il primo gruppo del settore a livello planetario. Si tratta della più grossa operazione finanziaria portata a termine da una società privata cinese negli Usa

MILANO - La conglomerata cinese Wanda ha acquistato l'americana Amc, proprietaria di 346 cinema multisala negli Stati Uniti e in Canada. La transazione è avvenuta al prezzo di 2,6 miliardi di dollari e, oltre a consentire a Wanda di diventare il primo operatore mondiale del settore delle sale cinematografiche, rappresenta la più grande operazione mai condotta da una corporation privata di Pechino sul suolo statunitense. Il gruppo cinese possiede già 86 multisala in Cina oltre a hotel di lusso, department store e altre attività che gli garantiscono un giro d'affari di 16,7 miliardi di dollari l'anno.

Wanda ha annunciato che investirà 500 milioni di dollari nell'espansione della catena Usa che a tutt'oggi già controlla 23 delle 50 sale più redditizie del paese. Il management della società cinese ha anche comunicato che il quartier generale di Amc resterà nella zona di Kansas City e non ci saranno tagli al personale che oggi conta su circa 18.500 unità. Wanda, nata a Pechino nel 1988, ha chiuso il 2011 con un fatturato di 16,7 miliardi e dà lavoro a circa 50mila persone. La due più grande operazioni finanziarie cinesi negli Stati Uniti sono state condotte dal fondo sovrano China Investment Corp. e sono due partecipazioni in Morgan Stanley (5 miliardi di dollari) e Blackstone Group (3 miliardi).

Nessun commento: