21 mag 2012

FINORA IL MEGAINCONTRO LUMBARD ERA STATO ANNULLATO SOLO DUE VOLTE La Lega di Bossi non c'è più, addio al raduno di Pontida


Il tradizionale happening padano di giugno verso il rinvio: si aspetta l'esito dei congressi

(Fotogramma)(Fotogramma)
MILANO - La Lega di Umberto Bossi non c'è più e con lei se ne va il raduno di Pontida. Quando infatti mancano ormai solo tre settimane alla data fissata, il raduno leghista di Pontida pare non sia destinato a svolgersi. Non c'è ancora un annuncio ufficiale, ma i leghisti bergamaschi danno per certo l'annullamento. «Siamo ancora a livello di "non dovrebbe svolgersi", perchè da Milano non ci hanno ancora comunicato niente a livello definitivo - chiarisce il sindaco leghista di Pontida Pierguido Vanalli - ma ci saranno i congressi nazionali di Lombardia e Veneto ai primi di giugno e poi il congresso federale a fine giugno».

INCHIESTE - A questo punto, prosegue il sindaco, «svolgere il raduno proprio in mezzo, il 10, non è proprio il caso. Le inchieste non avrebbero niente a che fare con la cancellazione: altre volte siamo arrivati a questo periodo dell'anno in una situazione difficile ma il raduno lo abbiamo fatto lo stesso». Dal 1990 in poi il raduno primaverile è stato finora cancellato solo due volte: nel 2004 dopo il malore di Bossi e nel 2006 dopo la sconfitta nel referendum sulla devolution (ma ne era stato organizzato uno il successivo autunno). «Quella volta - ricorda Vanalli - avevamo già acquistato i bagni chimici e li avevamo anche installati. Diciamo che quest'anno i bagni chimici non li abbiamo proprio presi».

SALVINI - Ma c'è già invece chi tranquillizza tutti i sostenitori leghisti. E' l'europarlamentare leghista Matteo Salvini che spiega: «Il raduno di Pontida si terrà ma subirà uno slittamento, forse a metà luglio. Lo slittamento è dovuto a causa dei congressi nazionali di Lombardia e Veneto tra fine maggio e inizio giugno e il congresso federale di fine giugno».

Nessun commento: