23 mag 2012

Ddl lavoro: sì alla parità retributiva dal 2016


Il governo si impegna: a ruolo uguale uomo e donna percepiranno lo stesso stipendio. Tornano i ticket per i disoccupati a basso reddito

MILANO - A partire dal 2016 uomini e donne, a parità di ruolo, dovranno avere lo stesso stipendio. Il governo, accogliendo un ordine del giorno dell'Idv (prima firma Giuliana Carlino) in commissione Lavoro del Senato, si è assunto l'impegno nell'ambito dell'esame del ddl lavoro. L'ordine del giorno è stato approvato all'unanimità. L'ordine del giorno era stato presentato dall'Idv, i relatori hanno dato parere favorevole mentre il viceministro del Welfare, Michel Martone, si è rimesso alla commissione.

TICKET, DISOCCUPATI TORNANO ESENTI - Il Governo nella serata di martedì ha anche accettato di emanare dei decreti per consentire la partecipazioni dei lavoratori agli utili dell'azienda. Mercoledì, invece, la commissione ha dato il via libera all'emendamento per reinserire l'esenzione dai ticket per i disoccupati a basso reddito e per i loro familiari. Il ministero del Lavoro aveva definito quella cancellazione «un refuso».

AFFITTI, DEDUCIBILITÀ IRPEF AL 7%- Viene inoltre ridotto il taglio della deducibilità a fini Irpef dei redditi da locazione: la norma prevedeva una riduzione dal 15% al 7%. Ora, dopo un accordo tra governo e maggioranza, il taglio sarà contenuto al 7%.

Nessun commento: