17 apr 2012

E ora Ikea entra nell'elettronica di consumo

ACCORDO COMMERCIALE CON LA CINESE TCL MULTIMEDIA: GLI SVEDESI VENDERANNO TELEVISORI


La multinazionale svedese punta sull'hi-tech dopo gli accordi con i giganti degli elettrodomestici Whirlpool e Electrolux

Uno store Ikea (Ansa)Uno store Ikea (Ansa)
MILANO - Ikea entra nell'elettronica di consumo. Un comunicato della multinazionale svedese, iper-attiva in Italia con l'apertura di nuovi punti vendita (siamo ormai a 20) e utente finale di un fiorente indotto legato ai Piccoli dell'arredamento di casa nostra, ha appena annunciato di aver avviato una joint-venture con la cinese TCL Multimedia.

L'ACCORDO - La multinazionale svedese, conosciuta nel mondo per i suoi prodotti low-cost e per la particolare caratteristica di auto-assemblaggio dei mobili, sta pianificando la vendita di televisioni e sistemi-audio in almeno cinque città europee entro giugno. «Questo è un grande passo per noi. Offriremo un ventaglio di prodotti unico nel mercato», dice Magnus Bondesson alla Reuters. «Stiamo lanciando una nuova concezione nella quale nello stesso posto sarà possibile acquistare prodotti di arredamento e di elettronica di largo consumo». Tolga Oncu, responsabile vendite di IKEA Svezia, pone l'accento sul segnale ai mercati globali: «E' il sintomo evidente che c'è bisogno di una sinergia tra produttori di elettronica di consumo con i fornitori di prodotti di arredamento». La collaborazione commerciale con TCL non è la prima joint venture del genere per Ikea. Negli ultimi tre anni la multinazionale scandinava ha firmato accordi commerciali anche con Whirlpool ed Electrolux. La cinese TCL Multimedia vende televisori e altri prodotti elettronici con le denominazioni TCL, Rowa, Thomson.

Nessun commento: