18 apr 2012

Droga, armi, minori e killer: viaggio nel deep web. Dove tutto è possibile Si può comprare qualunque cosa e cambiare identità: mercati internet che offrono protezione e anonimato a potenziali trafficanti di armi e droghe, terroristi e organizzazioni

 Esiste un posto della rete dove tutto è possibile. Nel bene e nel male. Una zona franca dove spariscono morale e regole. E che negli ultimi anni sta diventando il paradiso delle organizzazioni criminali di tutto il mondo. Lo chiamano deep web. Ed è una parte di web che si trova in internet ma non viene indicizzata dai motori di ricerca. Una parte nascosta del web. Un esperto di informatica che abbiamo intervistato e che ci ha aiutato a scoprire il deep web, spiega innanzitutto che non è necessario essere un hacker per riuscire ad entrare ed orientarsi in questo spazio nascosto di internet. «Il deep web – spiega - è soprattutto uno spazio di libertà, basti pensare che ad esempio, lì si trovano i contenuti di Wikileaks. Si va da normali forum di discussione, a siti in cui è possibile scambiarsi dischi e musica, libri e manuali. E poi è possibile imbattersi in pagine che offrono materiale pedopornografico, vendono droghe, armi, documenti falsi. Questi siti illegali o comunque negativi sono una percentuale minima rispetto al totale, ma purtroppo esistono. E vanno avanti forti del fatto che risalire all'identità degli utenti è impresa veramente difficile, se non impossibile». Si può trovare di tutto e perfino cambiare identità. Si tratta di mercati che offrono protezione e anonimato a potenziali trafficanti di armi e droghe, terroristi, organizzazioni criminali. Basta registrarsi, anche utilizzando un servizio mail anonimo, ed è possibile iniziare a fare acquisti, pagando con una moneta sconosciuta nel mondo reale, che è il bitcoin.

Abbiamo provato ad entrare e ci siamo riusciti. Non spiegheremo come si fa. Ci limitiamo a dire che per accedere è necessario un software in grado di renderci anonimi, di rendere anonima la connessione. Questo software fa rimbalzare i dati relativi al traffico in rete su tanti diversi server in modo da impedire di conoscere la provenienza reale. Cerchiamo innanzitutto lo spazio più famoso il "silk road": il mercato dove tutto è possibile. Ci registriamo e già nella home troviamo in evidenza finestre che invitano ad acquistare droga. In effetti nell'elenco tematico il topic relativo alla droga è quello più ricco: ci sono 1854 proposte. Proviamo a scorrere le offerte e vediamo che è possibile trovare di tutto. Fingiamo di voler comprare della cocaina e subito compare la schermata con la proposta: un grammo costa 24.22 bitcoins. Stessa storia per ecstasy, acidi, eroina e sostanze dopanti. Nella descrizione di una partita di ketamina, un anestetico che causa forti dissociazioni psichiche, il venditore addirittura si premura di consigliare al cliente «conosci te stesso, usa con cautela e divertiti». Per ogni proposta come ogni spazio di e commerce che si rispetti ci sono anche dei feedback. Per esempio i feedback che riguardano una partita di marjuana indicano particolare attenzione alla confezione del pacco da spedire per evitare che se ne senta l'odore.

Su silk road è possibile anche comprare dei documenti falsi. Qui ad esempio, è in vendita la patente del texas. Costa 36.72 bit coins e il venditore si raccomanda di usare fotografie di buona qualità. Viene offerto anche un passaporto britannico. In molti rapporti delle polizie internazionali si fa riferimento all'uso di questi spazi da parte di organizzazioni terroristiche. Infatti oltre ai documenti è facile acquistare armi o imparare a costruirne. Qui per esempio vengono vendute pistole e viene addirittura applicata una promozione per chi acquista il sabato notte. Non manca la sezione hard. E purtroppo ci accorgiamo subito che molte proposte riguardano video con ragazzini. Ma non esiste solo silk road.

Il deep web a disposizione di criminali ha milioni di canali. Nel video proviamo a mostrarvi qualcosa: per cominciare ci procuriamo una serie di indirizzi. Scorrendoli ci imbattiamo subito in siti pedopornografici che decidiamo di non aprire. Recentemente Anonymous, un gruppo di hacker con altissime competenze informatiche, ha distrutto uno dei più terribili di questi mercati chiamato Lolita city. Continuando il viaggio incontriamo gruppi dedicati all'occultismo, alle sette sataniche e siti per riciclare i bitcoins, la moneta virtuale utilizzata per le transazioni nel deep web. Per poter utilizzare i bitcoins infatti bisogna ripulirli come raccomanda un inserzionista che scrive: «(...) chi non li ha ripuliti ora si trova in prigione». Continuando la navigazione troviamo altri spazi di e commerce come il black market o l'underground market. Come al solito c'è di tutto, soprattutto trafficanti di droga e venditori di armi Qui si vendono pistole anche italiane come la beretta. Ed è possibile acquistare anche esplosivi o dispositivi per sottrarsi ad intercettazioni militari. 

Nel deep web è possibile perfino assoldare un killercome dimostra uno degli annunci trovati: all'assassino bisogna dare tutte le coordinate possibili per compiere la sua missione. Non sempre si può scegliere il metodo e il prezzo è di 5000 bitcoins ma il killer non accetta incarichi per ammazzare persone che abbiano meno di 16 anni. Almeno così scrive. Non è l'unico caso. Per organizzare agguati il deep web offre una serie di spazi dove trovare mercenari. Tra questi c'è assassination market. Vi mostriamo la schermata per accedere al sito. Ma noi ci fermiamo qui.

Nessun commento: