08 mar 2012

Il rischio da tanti hot-spot e pc connessi. Manchester guida la classifica delle città più pericolose

Se vi trovate a Manchester state attenti a usare in modo intenso l'hot spot wi-fi, il malware è dietro l'angolo. La città inglese guida la top ten della "speciale" classifica delle città europee più pericolose dal punto di vista della sicurezza It stilata da Symantec che ha commissionato una apposita ricerca a Sperling's BestPlaces. Obiettivo: individuare le città europee che presentano il maggior numero di fattori di rischio legati alla criminalità informatica. Dunque, non la solita ricerca basata sul numero di minacce, ma il tentativo di individuare le potenzialità di rischio, esaminando i diversi comportamenti degli utenti, l'incidenza di Pc e smartphone, l'utilizzo di social network e l'accesso a hotspot wi-fi potenzialmente non sicuri. Manchester guida la classifica perché, appunto, dotata di un gran numero di hotspot wi-fi e registra molti tentati attacchi di malware, e ha un'ampia diffusione di computer e accessi a Internet, nonché di uso di social network.



Dalla lettura dei dati, si evince che le città che presentano i maggiori fattori di rischio non presentano necessariamente i più alti tassi d'infezione, cosa che, per i ricercatori, è indice di un alto livello di protezione adottato da utenti sensibili. E si evince anche che più è basso il numero di dispositivi connessi, più è basso il livello di pericolosità. È il caso di Milano e Roma che ottengono il massimo punteggio aggregato per i dati sulla criminalità informatica, in particolare indirizzi Ip di spam e tentati attacchi al web, ma sono meno pericolose per il basso livello di penetrazione di Pc, di utilizzo di Internet e di hotspot wi-fi. Berlino è la più "tranquilla": ha bassi tassi di criminalità informatica, e punteggi minimi per bot e tentati attacchi di malware, lì si usa poco lo smartphone, anche se il possesso di Pc e l'utilizzo di social network sono sopra la media. I consigli finali di Symantec: utilizzare con cautela gli hotspot wi-fi, utilizzare password complesse e uniche per ogni sito, tenersi informati

Nessun commento: