10 gen 2012

Google, svolta social ora ci scava dentro

Google, svolta social ora ci scava dentro

In Usa 'Big G' ingloba anche risultati 'plus' 'ed e' solo l'inizio' - VIDEO


"Stiamo trasformando Google in un motore di ricerca che capisce non solo i contenuti ma anche le persone e le relazioni": così Amit Singhal, responsabile della strategia search di Big G e una delle menti più visionarie del colosso del web, annuncia la novità messa in campo da Mountain View. L'integrazione nel motore di ricerca delle notizie presenti su Google Plus, il social network lanciato a giugno scorso che, stando alle ultime previsioni citate da Bloomberg News, pur continuando ad essere lontano dai numeri di Facebook, aggiunge oltre 600.000 persone al giorno e potrebbe arrivare a 400 milioni per la fine del 2012. La nuova veste del motore di ricerca è stata ribattezzata 'Google plus Your World' (Google più il tuo mondo), sarà inizialmente disponibile per gli utenti che usano la versione in lingua inglese e consentirà di allargare la ricerca non solo alle notizie tradizionali ma anche a immagini, video e messaggi provenienti dalla propria cerchia di amici. Se ad esempio si cercano informazioni su un argomento (cinema, musica, sport) Google proporrà a destra della pagina i profili di persone, anche celebrità, che ne discutono su Google+.

Un'idea che in qualche modo cerca di contrastare la supremazia del social network di Mark Zuckerberg che conta 800 milioni di utenti. Le funzioni di 'Google plus Your World' sono per la precisione tre: 'Risultati personali' (per trovare informazioni come foto e post di Google+ visibili però solo dal singolo utente che lancia la ricerca), 'Profili nella Ricerca' (per trovare le persone che si vogliono seguire e si possono direttamente aggiungere alla cerchia di amici di 'Plus'), 'Persone e Pagine Google+' (per cercare le persone e le pagine Google+ correlate a un argomento specifico). "La ricerca è semplicemente migliore se comprende il vostro mondo e questo è solo all'inizio", sottolinea Amit Singhal. Le nuove funzioni 'social' potrebbero sollevare timori sulla privacy. "Poiché alcune delle informazioni presenti nei risultati di ricerca, inclusi i post e le foto private di Google+, sono già protette, abbiamo deciso che anche la pagina dei risultati debba essere protetta dallo stesso livello di sicurezza e privacy", rassicura Singhal che sottolinea come i risultati personali saranno distinti da altri e l'utente potrà controllare il livello di visibilità (pubblici, limitati ad alcune cerchie, visibili solo all'autore). "Stiamo anche introducendo un nuovo pulsante, ben visibile, tramite il quale - aggiunge - si potrà vedere come appaiono i risultati di ricerca senza includere alcun contenuto personale. E' un livello di trasparenza e di controllo senza precedenti sui risultati di ricerca personali. Il nostro sogno - conclude Amit Singhal - è che la tecnologia consenta a ciascuno di noi di esplorare la ricchezza delle informazioni e delle persone che ci circondano".

Nessun commento: