25 nov 2011

L'ALLARME GOVERNATORE DI BANKITALIA IGNAZIO VISCO «I salari d'ingresso dei giovani tornati sui livelli di alcuni decenni fa» «Occorre investire in istruzione per ridurre la criminalità»



Il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco (Ansa)
CATANIA - «I salari di ingresso nel mercato del lavoro sono oggi in termini reali su livelli pari a quelli di alcuni decenni fa». Il governatore di BankitaliaIgnazio Visco lo dice chiaramente al congresso dell'associazione magistrati minorili (Aimmf) che si svolge a Catania. Per Visco i giovani «che si affacciano oggi sul mercato del lavoro sembrano esclusi dai benefici della crescita del reddito occorsa negli ultimi decenni».

LA CRESCITA - «Per un riequilibrio strutturale e duraturo» dei conti pubblici «è necessario che il paese torni a crescere». Per Visco gli interventi adottati d'estate «miglioravano i conti ma non erano sufficienti». Secondo il governatore «innalzare il potenziale di crescita richiede interventi ad ampio spettro; tra questi, una riforma degli istituti di governo dell'economia per stimolare l'attività d'impresa e l'inserimento durevole nel mondo del lavoro, soprattutto delle donne e dei giovani». Visco ricorda come siano «note da tempo» le aree di intervento «più concorrenza, in particolare nei settori dei servizi protetti; un più ampio accesso al capitale di rischio, soprattutto per le imprese innovative; una regolamentazione del mercato del lavoro e un sistema di protezione sociale che, agendo congiuntamente, favoriscano la riallocazione delle risorse umane verso gli impieghi più produttivi; una giustizia civile più efficiente». «Vi è però - aggiunge il governatore - un ulteriore punto, almeno importante quanto i precedenti: l'aumento della dotazione di capitale umano del nostro paese».

INTEGRAZIONE- Senza «meccanismi efficaci di integrazione» per gli studenti figli di cittadini stranieri in Italia «la dotazione di capitale umano del nostro paese», già su bassi livelli, «rischia di essere ulteriormente penalizzata» visto che questi saranno una parte sempre maggiore della popolazione studentesca. Questo l'allarme del governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco secondo cui «già alla fine della scuola primaria circa un terzo di loro, contro il 2% degli italiani, è in ritardo rispetto al corso di studi».

ISTRUZIONE - In questo quadro per il Governatore sono importanti gli investimenti nell'istruzione: «Variabili chiave della nostra azione di politica economica» ma oltretutto «riducono gli incentivi a delinquere perché ne diminuisce il guadagno relativamente a quello conseguibile legalmente». Vi è poi «un effetto culturale che discende dalle maggiori e migliori opportunità di socializzazione di chi frequenta la scuola».

IL DEBITO - «L'acuita tensione sui mercati finanziari negli ultimi mesi ha reso precario l'equilibrio» del debito pubblico italiano assicurato da bassi tassi di interesse e interventi per riequilibrare le finanze che consentiva di «sostenere l'onere di un elevato stock di debito».

Nessun commento: