08 set 2011

Marchionne ora è presidente Chrysler. E Poi?


Uno dei maggiori gruppi industriali al mondo, dovrebbe nascere dalla ricostruzione della Fiat e della Chrysler. Di D.Tagnin

Uno dei maggiori gruppi industriali al mondo, dovrebbe nascere dalla ricostruzione della Fiat e della Chrysler.

IL PROGETTO industriale studiato nei minimi particolari, da Sergio Marchionne che, proprio oggi, acquisisce anche la presidenza di Chrysler pur mantenendo inalterato il proprio ruolo di amministratore delegato del Lingotto e di chief executive officer del marchio statunitense, non è stato fermato dalle analisi negative sui titoli del settore automobilistico di Moody's, né quelle più impietose che vedono il titolo Fiat bocciato da Citigroup e Bernstein, né, infine, il crollo delle immatricolazioni a luglio.

IL RUOLO, sino ad oggi, era stato ricoperto dall'intraprendente Robert Kidder anche presidente della 3Stone Advisor (società di private equity molto nota negli Stati Uniti d'America) che abbandona, con il proprio team, Chrysler, lasciando posto non solo a Marchionne bensì anche a Leo Houle e John Lanaway, sino ad ieri persone di riferimento della Cnh Global, società interamente controllata da Fiat Industrial.

LE PAROLE di Sergio Marchionne, giungono proprio dopo questa importante decisione: "Ripagare i prestiti del governo con sei anni di anticipo e rifinanziare il nostro debito rafforza la nostra convinzione di essere sulla strada giusta per ricostruire questa compagnia e riportarla nel posto che le spetta nel panorama automobilistico mondiale nel quadro dell'alleanza globale tra Chrysler e Fiat".

Nessun commento: